Home > News > Stockisti, evasione da 50 milioni?

Stockisti, evasione da 50 milioni?

Dopo una serie di lunghe indagini, la Polizia di Stato e l’Ufficio delle Dogane di Roma stanno eseguendo diverse misure cautelari per i reati di associazione per delinquere finalizzata all’evasione fiscale da parte della nota societa di eCommerce Gli Stockisti.

Le indagini svolte dal Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni per il Lazio e dall’Ufficio delle Dogane di Roma 2 della Direzione Interregionale per il Lazio e l’Abruzzo hanno rivelato che una società maltese, gestore del sito da oramai 5 anni agiva nominando ogni anno una diversa società concessionaria esclusiva per l’Italia, con lo scopo di rendere difficili i controlli dell’Amministrazione fiscale italiana, rendere occulta la relativa documentazione contabile/amministrativa ed irreperibili i relativi rappresentanti legali.

Il sistema commerciale ideato consentiva di vendere prodotti tech a prezzi bassissimi, grazie alla presunta evasione dell’IVA, che non veniva versata nelle casse dello Stato Italiano. In tal modo la società che gestiva il sito era in grado di fare concorrenza ai colossi del mercato online, proprio perché il mancato pagamento dell’iva consentiva una riduzione dei corsi del 20% circa.

Il volume d’affari stimato ammonta ad una cifra di ben 250 milioni di Euro e circa 50 milioni di Euro di evasione stimati. La Polizia Postale sta procedendo ad oscurare il sito.

Grazie per aver letto l'articolo!
Se vi è piaciuto condividetelo con i tasti posizionati più in basso.
Vi ricordiamo inoltre che potete seguirci sulla pagina ufficiale Facebook
e sul nostro canale Telegram.
Potete anche discutere della tecnologia con noi tramite il nostro gruppo Telegram.
Infine, se amate gli smartphone cinesi e le offerte, potete seguirci anche sul canale offerte di Cina Coupon Telegram.
Siamo presenti anche su TecHub.

mm
Lorenzo Gatti
Lorenzo Gatti è un ragazzo di 17 anni appassionato di tecnologia fin da piccolo. Studia all'ITT Don Bosco con indirizzo Elettronica. Nel 2014 riceve il suo primo cellulare, un modesto Galaxy S2, fin dall'inizio ottiene i permessi di root e cambia rom. A settembre 2016 compra il suo primo telefono orientale, uno Xiaomi Mi5 ed entra cosi nel mondo dei "cinesoni", conosce TechFX e successivamente Thomas e con loro fonda TechBuzz.it