Home > Android > Motorola costretta a ritardare la presentazione a causa di Qualcomm

Motorola costretta a ritardare la presentazione a causa di Qualcomm

l futuro Moto X4, ossia il medio di gamma che Motorola avrebbe dovuto presentare il prossimo 30 giugno, potrebbe ritardi a causa di un problema legato a Qualcomm, presumibilmente alla disponibilità del SoC Snapdragon 660 che lo equipaggerebbe.

A riportare tale rumor è ancora una volta il leaker Andri Yatim su Twitter, affermando, inoltre, che il 30 giugno verrà esclusivamente annunciata la disponibilità negli Stati Uniti del Moto E4 Plus, per altro già acquistabile dall’Italia all’attuale miglior prezzo di 193 euro.

Secondo quanto trapelato sino ad ora, Il Moto X4 implementerebbe un display da 5.2/5.5 pollici Full HD, una scocca certificata IP68 con parti in vetro, una doppia fotocamera posteriore ed un SoC Snapdragon 660 accompagnato da 4GB di RAM. Il device sarebbe dotato, inoltre, di un connettore USB Type-C 3.0, del supporto alla ricarica rapita Quick Charge 3.0 e di una batteria da 3.800 mAh.

Nessuna novità per quanto riguarda i top di gamma Moto Z2 e Moto Z2 Force che saranno ufficializzati domani, 27 giugno.

Grazie per aver letto l'articolo!
Se vi è piaciuto condividetelo con i tasti posizionati più in basso.
Vi ricordiamo inoltre che potete seguirci sulla pagina ufficiale Facebook
e sul nostro canale Telegram.
Potete anche discutere della tecnologia con noi tramite il nostro gruppo Telegram.
Infine, se amate gli smartphone cinesi e le offerte, potete seguirci anche sul canale offerte di Cina Coupon Telegram.
Siamo presenti anche su TecHub.

Source :

PhoneArena

mm
Lorenzo Gatti
Lorenzo Gatti è un ragazzo di 17 anni appassionato di tecnologia fin da piccolo. Studia all'ITT Don Bosco con indirizzo Elettronica. Nel 2014 riceve il suo primo cellulare, un modesto Galaxy S2, fin dall'inizio ottiene i permessi di root e cambia rom. A settembre 2016 compra il suo primo telefono orientale, uno Xiaomi Mi5 ed entra cosi nel mondo dei "cinesoni", conosce TechFX e successivamente Thomas e con loro fonda TechBuzz.it